Gli orologi Montblanc e l’Olimpo dell’orologeria

orologi montblanc watches

La mia prima penna Montblanc l’ho ricevuta il giorno della mia laurea: era nera, semplice ed elegante, un grande classico. Chi non ne ha mai ricevuta una nella sua vita alzi il mouse. Appunto.

Dobbiamo ammetterlo: Montblanc ha un’invidiabile leadership, frutto di una scelta commerciale fortunata che risale a diversi decenni fa.

montblanc penne pennini orologi

A distanza di tempo sono entrata di nuovo in una boutique Montblanc per regalare articoli di piccola pelletteria. Il prezzo è sempre quello dei beni di lusso, ma quantomeno i pellami sembrano di qualità. All’inizio risultano un po’ rigidi, ma con il tempo si ammorbidiscono.  

Eppure a Montblanc non bastava. No no, ha puntato ancora più in alto: gli orologi Montblanc. C’era da aspettarselo da un marchio che ha scelto come proprio simbolo una stella bianca: la cima innevata del Monte Bianco.    

Gli orologi Montblanc

In compagnia della mia solita curiosità e di un Montblanc-victim, ho voluto vedere di persona come il brand abbia cercato di scalare la vetta dell’orologeria. Per l’occasione ho scelto un look total black, in perfetto stile Montblanc.

montblanc orologi watches shop boutique negozio

Tra penne, portafogli, cinte e vetrine che ricordano quella di una gioielleria, gli orologi Montblanc non spiccano, ahimè, per innovazione. Né sul piano del design, né su quello tecnico.

D’altronde è comprensibile: è difficile inventare un prodotto se non si possiede una radicata tradizione tecnica. Perché gli orologi sono creazioni affascinanti e complesse e ve lo dice la figlia di un collezionista incallito: l’orologeria è una cosa seria!

A riprova, mi torna in mente una scena sull’affidabilità degli orologi con il grande Lino Banfi nei panni del Commissario Auricchio. E ho detto tutto.

montblanc orologi watches

Finché si rimane su fasce di prezzo basse – diciamo poche centinaia di euro – il marchio di moda può sicuramente funzionare come facilitatore nell’acquisto e andrebbero benissimo anche gli orologi Montblanc se si attestassero su questi prezzi.

Ma se i costi diventano più importanti e si chiede di spendere diverse migliaia di euro per uno degli orologi Montblanc, il discorso è diverso. Potendo pagare queste cifre, allora meglio optare per un orologio di qualità e con una solida storia manifatturiera alle spalle!

La scelta non manca, a cominciare dallo storico marchio Omega per orologi in acciaio. Per fasce di prezzo superiori ci sono Longines o Eberhard. Fino a raggiungere l’Olimpo dei marchi: Audemars Piguet, IWC, Girard-Perregaux, Jaeger-LeCoultre.

montblanc orologi watches

Il Monte Bianco sarà pure la cima più alta d’Europa, ma l’Olimpo è un’altra cosa. E come diceva Voltaire, “il tempo è galantuomo”.

Tempo di lettura: 2 minuti
© TUTTI I DIRITTI RISERVATI

2 Comments

  • nik ha detto:

    Bel post! Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi dell’orologeria di Cartier. Ne ho uno molto bello ma credo che appunto anche per cartier l’orologeria non sia il punto forte. grazie!

    • Molù ha detto:

      Cara Nik, sono contenta che ti piaccia il mio post! Come hai giustamente anticipato nel tuo commento, l’orologeria non è stata sin dall’inizio il focus di Cartier. Tuttavia, la maison ha cercato negli anni di sviluppare un concetto di orologio sempre più “gioiello”. Come puoi immaginare, la struttura di un post o di una mia risposta non è sufficiente ad affrontare in modo esaustivo un argomento come quello degli orologi, che richiederebbe molto più spazio. Non a caso sono stata scritti libri e libri sul tema. Io nei miei post mi limito a condividere con voi solo alcuni spunti di riflessione, sperando che il mio occhio “tecnico” sia utile a chi legge e cerca qualche consiglio.
      Di una cosa devi stare tranquilla, però: un orologio Cartier non è assolutamente paragonabile a prodotti di brand (per non dire “di moda”) che hanno tutta un’altra storia merceologica. Stiamo comunque parlando di una importante maison di gioielli, quindi la cura per il design e per la scelta dei materiali dovrebbe essere attenta. O almeno ci si aspetta che sia tale.
      Continua a seguirmi, tornerò sicuramente sull’argomento “orologi”…e magari una delle mie future “missioni esplorative” sarà nel negozio Cartier!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *