Gli anelli TUUM: una preghiera…

tuum anelli

Chi di voi conosce TUUM? Tranquilli, non è un esame di latino ma una linea di gioielli.

Ero con l’Anna e la Nosky in modalità rassegna stampa su una terrazza vista mare, quando la domanda è nata spontanea: ma a chi viene in mente di usare come soggetto di un anello una preghiera sacra? A Tuum, ecco la risposta!

Le mie due fashion-friends, vittime della loro curiosità e di un irresistibile buon gusto, hanno recitato la loro personale supplica. Né Padre Nostro, né Ave Maria, sia chiaro. E così, sebbene abbia visto altre volte le pagine pubblicitarie di Tuum, mi hanno convinta ad andare in missione esplorativa.

L’ispirazione degli anelli sacri Tuum

Per chi non lo conoscesse, il marchio è nato qualche anno fa in un laboratorio di San Giustino, al confine tra l’Umbria e la Toscana e ha preso in prestito il suo nome da un passaggio del Pater Noster.

L’obiettivo? A quanto pare, sottolineare l’instaurazione di un rapporto personale tra la preghiera impressa sull’anello e chi lo indossa. Tuum in latino significa, appunto, tuo.

Messe da parte le rimanescenze scolastiche sull’accusativo e le declinazioni di rosa-rosae, l’ispirazione di Tuum è di origine evidentemente religiosa. Dicitur –tanto per far vedere che ho fatto anche io le scuole grosse- che la linea Origine con il Padre Nostro e Tuam con l’Ave Maria siano state realizzate inizialmente proprio per i rappresentanti del culto. Poi l’illuminazione: uscire dalle porte delle chiese e cercare di creare un trend facendo leva sull’attrattiva del messaggio insito nella preghiera.

anelli tuum tuam origine preghiera gioielli sacri

Un po’ ramoscello di ulivo e un po’ promemoria per i rimandati in catechismo. Ma anche un po’ reminiscenza Anni ’80, non trovate? Verrebbe da chiedersi, però, che fine abbia fatto l’uso provocatorio dei simboli sacri, tipico di quel periodo. Dove è la protesta? Madonna si rivolterebbe nel suo stesso bustino di pelle e ricomincerebbe a cercare Susan disperatamente. Eviterò di farne parola.

La manifattura dei gioielli Tuum

Vogliamo parlare dei gioielli Tuum sic et simpliciter (ci stava bene)? Gli anelli sono realizzati con la fusione a cera, una tradizionale tecnica orafa che consente agli anelli di Tuum di avere le parole in rilievo. Il Padre Nostro, lo sapete, è una preghiera più lunga, quindi la fascia dell’anello è più alta rispetto a quella dell’Ave Maria e più cara in ciascuna delle versioni.

Si può scegliere tra diverse collezioni Tuum: in argento brunito o bronzato si spende intorno a € 200.

Gli anelli in oro possono essere nelle colorazioni in giallo, bianco o rosa. Se in oro 9 kt i prezzi partono da circa € 800, mentre per i 18 kt la fascia iniziale di costo raddoppia.

C’è anche una linea in oro con brillanti che costa poco meno di € 3.000

tuum color tuam anelli smalto argento preghiera gioielli sacri

Per i più smaliziati e irriverenti, c’è anche Tuum Color, in argento con smalto colorato.

Il valore della preghiera secondo Reverso

Ad onor del vero, Tuum non è l’unico brand che abbia riconosciuto un valore commerciale alle preghiere sacre.

Mediterraneo Gioielli, reggetevi forte, ha realizzato Reverso: un anello in argento reversibile con l’Ave Maria su smalto nero da un lato e l’immagine della Madonna miracolosa circondata da zirconi sull’altro lato.

anelli reverso meterraneo gioielli madonna preghiera gioielli sacri

Non ho resistito alla tentazione e ho contattato la casa madre in Campania, dovevo capire come fosse mai nata l’idea della apparizione della Madonnina. La risposta è stata chiara: avevano già utilizzato la medaglietta come ciondolo per collane e bracciali.

Effettivamente non fa una piega, ma non me ne voglia nessuno se mi consolo pensando che il mondo della gioielleria può trovare tante e altre fonti di ispirazione creativa.

A questo punto non mi resta che pensare che con icone e preghiere a portata di mano -anzi, di dito-, sarebbe stato tutto più semplice per Massimo Troisi in “Scusate il ritardo”!

E voi, quanti peccati avete da farvi perdonare?

Tempo di lettura: 3 minuti
© TUTTI I DIRITTI RISERVATI

3 Comments

  • Viviana scrive:

    Restando sul pezzo di Troisi, direi che questi anelli siano un motivo in più per piangere. Statue lignee di tutto il mondo, unitevi in un grido lacrimoso!!!
    La mia opinione è che questa sia stata una pessima idea.
    Tuum e Reverso, mettetevi una mano sulla coscienza.
    Consegnare al commercio un’immagine del sacro così legata alla vanità è un controsenso tanto evidente quanto uno schiaffo in pieno viso. La comparsa di queste campagne nello stesso periodo non lascia dubbi: si tratta di una vera e propria scelta strategica, non di un caso.
    Negli anni ’80, il concetto di icona è stato elaborato da diversi artisti. Tutti conosciamo la Marilyn di Andy Warhol, per esempio. O il video di Like a prayer, di Madonna.
    Allora, indossare una croce era moda, perchè in quegli anni c’è stato il boom dell’estetica e dell’edonismo.
    Ma oggi, in tempo di crisi, che senso avrebbe?
    Facciamo così, compratevi un’indulgenza e vedrete che la statua lignea, tra un singhiozzo e l’altro, chiuderà un occhio.

  • Johne59 scrive:

    Outstanding post, I conceive people should acquire a lot from this web blog its rattling user genial. So much superb info on here

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *